ENOGASTRONOMIA

Enogastronomia in Basilicata

Anche per ciò che riguarda l’enogastronomia la Basilicata mostra la sua peculiarità di essere stata, ed essere, una regione ricca di storia e di contaminazione culturale, dai greci ad esempio ha ereditato l’uso nella dieta e nella cucina di olive e fave.
La cucina locale, assai semplice e sobria, presenta molti punti in comune con quella delle regioni limitrofe, così che, a seconda delle località, si può parlare di cucina campano-napoletana, pugliese o calabrese piuttosto che di cucina lucana propriamente detta.
Come in tutte le regioni del Mezzogiorno, vi si fa larghissimo uso di verdure, spesso servite, bollite e condite con olio, come primo piatto. Rinomata è la produzione di olive, spesso utilizzate come semplice companatico. La Basilicata ha in comune con la Puglia l'uso dei lampagioni (o vampasciuni o muscari), con i quali si prepara anche una specie di marmellata; con la Calabria quello delle melanzane. Vi è un largo consumo anche di fave, cicerchie, lenticchie.